“Navetta Rosa” e scuola guida a Kabul. Viaggi sicuri per le donne afghane.

“Navetta Rosa” e scuola guida a Kabul. Viaggi sicuri per le donne afghane.

In Afghanistan, uno dei grandi ostacoli all’emancipazione femminile è la difficoltà di movimento, che limita drasticamente le possibilità di accedere a servizi essenziali, studiare, lavorare.

I trasporti pubblici sono quasi inesistenti; camminare per strada espone a rischi e molestie; la maggioranza delle donne non può usare bici, moto, taxi o bus condotti da uomini, né prendere la patente a causa dei costi o del divieto di frequentare una scuola guida mista. Per loro, muoversi liberamente resta un sogno. Con questo progetto Nove Onlus contribuisce a realizzarlo.

Il progetto ha due componenti:

a) La ‘Navetta Rosa’, il primo e solo servizio in Afghanistan con autiste e passeggere esclusivamente di sesso femminile.
Nella fase sperimentale della i prevedono circa 100 utenti regolari del servizio. Che donne trasportino donne è accettabile per la cultura locale, ma in Afghanistan ogni innovazione in campo femminile richiede molta cautela. Per ridurre i rischi, Nove mette a disposizione un tutor che affianca le autiste nelle prime esperienze su strada; si occupa inoltre di ottenere il consenso preliminare delle istituzioni, delle autorità tradizionali e della comunità di riferimento. L’Associazione copre i costi iniziali (carburante, assicurazione, salari, ecc.) e, attraverso il suo servizio di orientamento al lavoro, elabora con gli stakeholder un piano di gestione che prevede il graduale raggiungimento della sostenibilità e lo sviluppo del servizio nel biennio successivo.

b) Scuola guida femminile gratuita.
Sono previsti 48 posti nel 2019, costi di rilascio della patente a carico del progetto. Questa componente dà seguito ai corsi di guida svolti da Nove Onlus dal febbraio 2016 al novembre 2018 nell’ambito del progetto Sono una donna e voglio lavorare, che hanno permesso a 195 donne di ottenere la patente. Un risultato notevole, considerato che in un quinquennio (2012-2016) hanno preso la patente a Kabul solo 1189 donne in totale. La forte motivazione che spinge le donne a ottenere la patente di guida è mostrata altresì dalla percentuale di successo dei corsi: dal 95 al 100% (a seconda degli anni), con un tasso di dropout che va dallo 0,5 allo 0. L’attivazione di questa componente dipende dall’ammontare dei fondi disponibili a giugno 2019.

Il numero complessivo di beneficiarie dirette del progetto è di 150 donne: 2 conducenti e 100 utenti regolari della “Navetta Rosa”, più 48 studentesse del corso gratuito di guida. I beneficiari indiretti sono i circa 900 membri delle famiglie delle beneficiarie dirette (tenendo conto della dimensione media di una famiglia afghana). L’immagine di donne afghane che gestiscono un servizio di navetta o che guidano una macchina funziona da catalizzatore, spronando molte altre a seguirne l’esempio. Il senso di empowerment che iniziative del genere diffondono fra la società afghana tradizionale rappresenta una breccia nel muro della sottomissione nella quale la grande maggioranza della popolazione femminile vive.

Partner operativi: Department of Women’s Affairs (DoWA) di Kabul, Traffic Department di Kabul, Consiglio degli Anziani.

Sponsor: OTB Foundation, USAid.

Per maggiori informazioni contattare la responsabile del progetto Julienne Vitali.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca