Progetto Reach

Nel 2015, oltre 350 mila persone  fuggite da guerre, privazioni e violenze di ogni genere sono sbarcate nell’isola greca di Lesvos, con la speranza di raggiungere da lì altri paesi europei.

L’ondata di migranti non si ferma e Nove Onlus ha donato a dicembre 2015 un pulmino, che trasporta i più vulnerabili (donne incinta, malati, anziani, bambini) dai luoghi di sbarco ai centri di raccolta, distanti chilometri, e il materiale di prima necessità (cibo, acqua, coperte termiche e materiale sanitario) alle zone di approdo. E’ un intervento piccolo ma essenziale per gestire meglio i soccorsi e ridurre le emergenze mediche, dando un concreto aiuto a chi, reduce da un pericoloso viaggio in mare, arriva bagnato, spaventato, esausto.  Vi ringraziamo per i vostri contributi, che ci hanno  permesso di realizzarlo.

La missione è stata svolta da Saverio Serravezza, che  racconta nell’articolo Lesvos il laccio emostatico dell’Europa la situazione dei migranti a Lesvos e in Grecia.

leggi tutto: Lesvos il laccio emostatico dell’Europa Un reportage di Saverio Serravezza sulla rotta balcanica
(Scarica e leggi in .pdf)

Roma,  16 febbraio 2016

Leave a Comment