Outstanding kids: i bambini eccezionali di Aleppo. Siria.

Outstanding kids: i bambini eccezionali di Aleppo. Siria.

Outstanding kids: i bambini eccezionali di Aleppo. Siria.

Aleppo Est è stata la città simbolo della terribile guerra in Siria. Assediata per quattro anni, obiettivo di quotidiani bombardamenti e incursioni: 300mila sfollati, 40mila morti, in maggioranza donne e bambini. Una tragedia umanitaria di proporzioni inaudite.

In questa situazione Asmar, un ragazzo di 28 anni che aveva perduto parte della sua famiglia, ha cominciato a prendersi cura dei bambini abbandonati, che trovava tra le macerie e portava al sicuro, in un rifugio sotterraneo a prova di bombe. È nato così il “Moumayazoun orphanage” (“Moumayazoun” in arabo “bambini eccezionali”), finanziato dalla fondazione Afkar.

Negli ultimi mesi dell’assedio di Aleppo non si trovavano più cibo, farmaci, niente. Nonostante gli sforzi del personale i bambini del Moumayazoun erano allo stremo. Il video registrato nell’orfanotrofio ha fatto il giro del mondo.

Finalmente, dopo difficoltosi negoziati, i civili di Aleppo Est hanno cominciato ad essere evacuati. Tra loro i 47 bambini e il personale del Moumayazoun, che sono stati trasferiti nella provincia di Idlib, e poi al confine con la Turchia, zona relativamente sicura. I bambini hanno gradualmente ripreso a frequentare la scuola, fare sport e altre attività che li aiutano a superare i traumi subiti.

In seguito Unicef ha aperto nell’edificio del Moumayazoun, ristrutturato con grandi sforzi dallo staff, un “child protection center” che accoglie altri orfani e minori non accompagnati provenienti dalle zone di Al-Raqqa, ex roccaforte dell’Isis.

Nove Onlus ha costantemente seguito le vicende dell’orfanotrofio dal dicembre del 2016.  A febbraio del 2017 grazie al contributo dei suoi sostenitori, ha potuto donare al Moumayazoun un autobus, necessario per spostare velocemente i bambini e gli educatori in caso di necessità, e per svolgere attività didattiche.

Partner operativi: Fondazione Afkar.

Per maggiori informazioni contattare l’Area Progetti.

Progetto concluso a febbraio 2017. Nove Onlus ha continuato a monitorare la situazione dei bambini, mantenendo regolari contatti con il Moumayazoun, fino a luglio 2018. Gli ospiti dell’orfanotrofio oggi si trovano quasi tutti in Turchia in attesa del ricongiungimento con i parenti.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca